home
Dona ora

Menu

Storia del museo

Il Museo all’aperto Ballenberg ha aperto i battenti nel 1978, presentando al pubblico 16 opere architettoniche. Oggi si possono ammirare oltre 100 edifici storici provenienti da ogni parte del Paese.

Condividi pagina:
Weisse Wäsche beim Bauernhaus aus Eggiwil BE (351) im Freilichtmuseum Ballenberg.

Alla fine del XIX secolo i musei degli usi e costumi hanno iniziato a far conoscere al grande pubblico gli oggetti di vita quotidiana e lo stile di vita della popolazione rurale. La raccolta e l’esposizione sistematica di beni culturali tradizionali, l’approccio educativo e l’orientamento a un pubblico ampio erano i tratti distintivi che ancora oggi caratterizzano i musei all’aperto.

1891: Nascita dei musei all’aperto

L’apertura di un museo sull’isola di Skansen a Stoccolma nel 1891 ha segnato la nascita dei moderni musei all’aperto. Soli 20 anni dopo l’inaugurazione di Skansen, nel Nord Europa si contavano già circa 20 musei all’aperto di una certa importanza. Ma il vero boom di questa tipologia di musei è stato tra il 1950 e il 1970, con la fondazione di numerosissime istituzioni di questo tipo, tra cui i primi musei industriali e i primi musei all’aperto al di fuori dell’Europa.

  • 1978 war es endlich so weit: Das Freilichtmuseum Ballenberg öffnete seine Tore.

    Nel 1968 è stata fondata la "Fondazione Ballenberg, Museo svizzero all‘aperto".

  • 1978 war es endlich so weit: Das Freilichtmuseum Ballenberg öffnete seine Tore.

    Nel 1978 era finalmente giunto il momento: il Museo all'aperto del Ballenberg aprì le sue porte.

  • 1978 war es endlich so weit: Das Freilichtmuseum Ballenberg öffnete seine Tore.

    L'inaugurazione fu celebrata con ospiti provenienti da tutta la Svizzera.

  • 1978 war es endlich so weit: Das Freilichtmuseum Ballenberg öffnete seine Tore.

    La cerimonia di apertura fu accompagnata da sfilate e da gruppi musicali.

  • 1978 war es endlich so weit: Das Freilichtmuseum Ballenberg öffnete seine Tore.

    Discorso cerimoniale all'inaugurazione del 1978.

1963: Istituzione di una commissione di esperti

All’epoca delle prime fondazioni nei paesi scandinavi, anche in Svizzera sono stati compiuti dei tentativi per creare un museo all’aperto. Tuttavia, né il progetto di una «città medievale svizzera» presso il Museo Storico di Berna né le riflessioni sulla possibilità di arricchire il Museo nazionale svizzero di Zurigo con edifici rurali hanno portato a risultati concreti. Solo nel 1963 il Consiglio federale ha istituito una commissione di esperti per esaminare nel dettaglio la possibilità di dar vita a un museo nazionale all’aperto. L’area del Ballenberg si è rivelata essere la più idonea e si è imposta rispetto ad altre possibili località.

1978: Inaugurazione con 16 oggetti museali

Nel 1978 è arrivato il gran giorno: il Museo all’aperto Ballenberg ha finalmente aperto i battenti. Se all’inaugurazione le opere esposte erano 16, solo due anni dopo si contavano già 25 edifici e nel 1985 si era già saliti a quota 61. Oggi al Ballenberg si possono ammirare oltre 100 costruzioni. Il piano scientifico del Museo all’aperto del Ballenberg si basa sugli studi del progetto di ricerca sulle abitazioni rurali in Svizzera, che consente una selezione mirata ma esaustiva delle principali tipologie di case, fattorie e forme di insediamento caratteristiche del nostro Paese.

Der Kornspeicher aus Ostermundigen BE (332) im Freilichtmuseum Ballenberg vor blühendem Garten.

Pietre miliari della storia del museo

Una panoramica delle tappe più importanti negli oltre 40 anni di storia del Museo all’aperto Ballenberg.

  • Fine del XIX secolo: Nascono in Scandinavia i primi Musei all‘aperto
  • 1963: Il Consiglio federale istituisce una Commissione di esperti per valutare la possibilità di creare un Museo all’aperto nazionale
  • 1968: Costituzione dellaFondazione Ballenberg, Museo svizzero all‘aperto
  • 1978: Apertura del Museo all’aperto con 16 edifici e le prime dimostrazioni di mestieri artigianali
  • 1992: Fondazione della Verein Landschaftstheater Ballenberg
  • 1996: Oltre 200 animali da cortile fanno il loro ingresso al Ballenberg; apertura del Centro dell’artigianato del Ballenberg
  • 1997: Inaugurazione del più antico edificio: la casa d’abitazione di Svitto SZ (751) risalente al 1336
  • 2003: Inaugurazione del più grande edificio: la masseria di Novazzano TI (851) con oltre 50 stanze
  • 2007: Modernizzazione della casa d’abitazione di Matten BE (1021) vecchia di oltre 400 anni
  • 2010: Occupazione del nuovo edificio amministrativo progettato da Gion Caminada
  • 2017: Inaugurazione dell’ultimo (per il momento) edificio: la fabbrica di laterizi di Péry BE (141)
  • 2018: Nell’anno del giubileo, al Museo all’aperto vi sono 109 edifici storici

Ballenberg
Museo svizzero all'aperto

Museumsstrasse 100
CH-3858 Hofstetten bei Brienz

+41 33 952 10 30
info@ballenberg.ch

Orari di apertura

Dal 6 aprile al 29 ottobre 2023
Ogni giorno dalle 10 alle 17

Seguiteci sui social media